Recensione Xiaomi Mi 9T

recensione xiaomi mi 9t

Dopo un paio di settimane di utilizzo intenso ecco che arriva la mia personalissima recensione dello Xiaomi Mi 9T, un medio di gamma che smuove il mercato degli smartphone proponendo un comparto globale ottimo ad un prezzo davvero incredibile.

Design, materiali ed ergonomia

recensione xiaomi mi 9t

Lo smartphone è realizzato con materiali da top di gamma, come da top è anche l’assemblaggio che non presenta difetti, scricchiolii strani o qualità scadente. Il frame laterale è in metallo opaco mentre il posteriore è realizzato completamente in vetro.

Passando alla parte anteriore abbiamo un display senza notch e fori vari per la fotocamera frontale, che è implementata in un sistema popup che permette di sfruttare senza impedimenti la grandezza del display.

Altro punto a favore va alle colorazioni, molto particolari e sgargianti soprattutto la versione rossa e blu che gli danno un tocco futuristico e “tamarro ma non troppo. Più sobria invece la colorazione in fibra di carbonio che è disponibile solo sulla versione da 128GB.

Perfetto in tutti i punti, ma se proprio vogliamo trovare un difetto con i suoi 191 grammi lo smartphone non è propriamente una piuma, e anche se è ben bilanciato e proporzionato in determinati casi risulta poco compatto.

Hardware

Il Mi 9T utilizza come processore lo Snapdragon 730, che nonostante non sia l’ultimo processore lanciato sul mercato lavora molto bene rendendo il dispositivo reattivo, fluido e senza alcun tipo di rallentamento. Ad aiutarlo ci sono 6 GB di RAM associati ad una memoria interna da 64 GB o 128 GB che però purtroppo non è espandibile. Infatti il doppio slot disponibile funge solo da “Dual Sim” quindi non è possibile, come in altri dispositivi, scegliere fra una seconda scheda SIM o una memoria espandibile.

Per gli sblocchi del dispositivo abbiamo sia lo sblocco con l’impronta digitale tramite un lettore implementato sotto al display, sia il riconoscimento facciale in 2D. Lo sblocco con l’impronta funziona abbastanza bene e sblocca il dispositivo in 9 casi su 10 mentre il riconoscimento facciale essendo solo in 2D è risultato poco affidabile. Ricordo che per attivare quest’ultimo è necessario scorrere sullo schermo verso l’alto per attivare la fotocamera popup.

Non mancano ovviamente l’LTE fino a 400 Mbps, wi-fi ac, bluetooth 5.0, NFC, Radio FM e USB-C che però non ha uscita video. Buono anche l’audio anche se è fornito da un solo speaker posto sulla parte inferiore del dispositivo.

Una chicca riguarda il led di notifica che è posizionato sulla parte superiore del dispositivo inserito all’interno del meccanismo della fotocamera popup.

Fotocamera

Sul comparto fotocamera il Mi 9T è ben fornito. Infatti abbiamo ben 3 fotocamere ognuna con risoluzione e caratteristiche diverse. La principale è da 48 megapixel che scatta foto da 12 megapixel inserendo quattro pixel in uno per ottenere foto più luminose.

Buona la rese delle foto di giorno e in condizioni di luce ottimale, meno invece se scattiamo foto in notturna o in condizioni di scarsa luminosità. Per questo motivo ci è molto d’aiuto la modalità notte anche se per forza di cose non abbiamo resa e qualità dei top di gamma.

Le altre due fotocamera sono una da 8 megapixel con zoom 2x e una da 13 megapixel con obiettivo grandangolare. Ottime le altre funzioni come la modalità ritratto, la modalità pro, panorma, slow motion e una che scatta foto a piena risoluzione.

La fotocamera frontale come detto in precedenza utilizza un meccanismo a scomparsa popup ed ha una risoluzione di 20 megapixel, mentre per quanto riguarda i video il dispositivo registra sia in 4K che in Full HD.

Display

Il display è un Amoled da 6,39”, Full HD (1080 x 2340 pixel) con supporto alla tecnologia HDR. Risulta molto luminoso e con colori brillanti regolabili tramite le impostazioni dove è possibile scegliere il tipo di contrasto (automatico, elevato o normale) e la temperatura dei colori (predefinito, caldo o freddo).

Il Mi 9T è dotato anche dell‘always-on display. E’ possibile averlo sempre attivo oppure pianificare la disattivazione, ad esempio di notte o in momenti in cui sappiamo che non ne avremo bisogno. Questa funzione è arricchita con alcune grafiche predefinite selezionabili tramite l’apposito menu.

Se vogliamo proprio trovare un piccolissimo difetto lo possiamo attribuire alla luminosità automatica che in alcuni casi è risultata poco precisa rendendo delle volte lo schermo troppo poco luminoso impedendone la corretta visione. Ma ripeto è un piccolissimo “neo” su un display che reputo davvero eccezionale.

Software

Ovviamente il Mi 9T monta a bordo la MIUI 10.3 basata su Android 9.0 Pie. Software fluido e senza intoppi dalla grafica accattivante e ricco di funzionalità come le gesture di navigazione (ricordo che comunque è possibile abilitare la navigazione tramite tasti virtuali), la possibilità con “Dual App” di utilizzare due account su un unica app e la possibilità di sdoppiare l’intero sistema.

Non è presente purtroppo il supporto ad Android Auto che speriamo venga implementato con qualche aggiornamento in futuro.

Autonomia

Grazie ad una batteria di 4000 mAh il dispositivo permette, con un uso di tutti i giorni, di arrivare a tarda serata senza alcun tipo di problema. Con il mio uso quotidiano (social, video, chiamate, musica, navigazione generica) sono riuscito ad arrivare alle 22 circa con ancora il 20% di batteria.

Il Mi 9T è dotato di ricarica rapida a 18W, ma purtroppo manca la ricarica wireless.

Conclusioni Xiaomi Mi 9T

Nel complesso lo Xiaomi Mi 9T risulta essere un ottimo dispositivo e per quanto mi riguarda sicuramente è un best buy.

Spendendo infatti 329€ per la versione 6+64 GB oppure 399€ per quella da 6+128 GB, l’utente ha a disposizione uno smartphone completo in ogni punto: dal software all’hardware passando per il display e la fotocamera finendo sull’autonomia, tutto è gestito alla perfezione rendendolo un medio di gamma con ambizioni da top.

Certo si hanno dei piccoli compromessi ma a questo prezzo al momento non si può ottenere di meglio.

Questo è tutto per quanto riguarda lo Xiaomi Mi 9T, vi ricordo quindi che per altre recensioni potete continuare a seguirmi qui sul blog e per restare sempre aggiornati sugli ultimi articoli potete seguirmi anche su Facebook, Twitter e Instagram.

Conslusioni
8.5

Nel complesso il Mi 9T risulta essere un ottimo dispositivo e per quanto mi riguarda sicuramente è un best buy. Spendendo infatti 329€ per la versione 6+64 GB oppure 399€ per quella da 6+128 GB, l'utente ha a disposizione uno smartphone completo in ogni punto: dal software all'hardware passando per il display e la fotocamera finendo sull'autonomia, tutto è gestito alla perfezione rendendolo un medio di gamma con ambizioni da top. Certo si hanno dei piccoli compromessi ma a questo prezzo non si ottiene di meglio.

  • Design e materiali9
  • Ergonomia7.5
  • Hardware8.5
  • Software9
  • Fotocamera8.2
  • Display8
  • Autonomia9.5
User Rating: 4.4 ( 2 Votes )
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *